Aiuto per i bambini con problemi di comportamento

Aiuto per i bambini con problemi di comportamento

I genitori possono affrontare vari problemi comportamentali. Alcuni sono osservati come stomping e piangendo perché una seconda porzione di dessert non era consentita, mentre altri comportamenti possono essere atti gravi e aggressivi. I genitori del bambino con problemi di comportamento possono sentirsi sopraffatti, frustrato e da solo. Possono cominciare a pensare che sono i genitori unici al mondo con questi problemi. Tuttavia, problemi di comportamento nei bambini sono comuni, e non c'è aiuto disponibile.

Evitare lotte di potere

Una lotta di potere tra un genitore e il bambino può seguire con un semplice "No". Quando un bambino sente quella parola, egli si sente minacciato e può iniziare a chiedere il suo diritto di fare quello che vuole. Prima che il genitore può dire "No" ancora una volta, il bambino è diventato difensiva. Pertanto, è imperativo che il genitore rimanga calmo, positivo e privo di giudizio. Solo il linguaggio del corpo può trasmettere un messaggio potente, così lo spazio adeguato tra padre e figlio è necessario.

De-escalation della situazione affermando una dichiarazione dell'obiettivo è un componente chiave per iniziare una conversazione affabile. Un esempio di una dichiarazione dell'obiettivo potrebbe essere: "John, la settimana scorsa mi hai detto che avrebbe buttare fuori la spazzatura ogni lunedì così che si potrebbe essere consentito di giocare il tuo gioco dopo cena. Il cestino è pieno; Vedo che lei non ha buttato fuori". A partire da una richiesta positivamente, si spera che John sarà chiedere scusa o indicare una ragione perché il cestino non è stato gettato fuori.

Cercare risorse comunitarie

A volte, un genitore non può completamente la disciplina di un bambino con problemi di comportamento senza esso risultante in una qualche forma di aggressione. Nei casi più gravi come questo, un genitore dovrebbe cercare risorse comunitarie per ottenere supporto da parte di persone che si sono qualificate nella gestione del comportamento. Nella maggior parte delle città, assistenti sociali dello stato Department of Human Services può fornire un elenco di consulenti, psicologi o terapisti che possono valutare le esigenze del bambino e sviluppare un piano di intervento. In alcuni casi, è consigliabile la terapia familiare. Se il bambino è a scuola, assistenti sociali, consulenti e psicologi lavorano nella scuola possono anche fornire tecniche e consigli per problemi di comportamento.

Interventi terapeutici

Un bambino con problemi comportamentali in genere non ha le basi necessarie per gestire e controllare i suoi comportamenti. A seconda dell'età del bambino, parlare o terapia del gioco può aiutare a costruire le fondamenta e migliorare il suo comportamento generale. Se un genitore è riferito ad un counselor o psicologo per aiuto, il primo passo nel processo è quello di valutare o diagnosticare il bambino. Se una diagnosi è fatta, raccomandazioni specifiche e opzioni di trattamento possono essere fornite. La terapia può aiutare a sostenere e sviluppare la consapevolezza del bambino dei suoi comportamenti, fornire uno sbocco per i comportamenti alternativi e appropriati.

Trattamento farmacologico

Quando un problema di comportamento diventa una diagnosi medica, un bambino può essere fisicamente in grado di controllare il suo comportamento. Errori nell'elaborazione del neurotrasmettitore e squilibri chimici possono creare comportamenti indisciplinati e/o belligeranti. Se il bambino viene diagnosticato un disturbo mentale, interventi psichiatrici e/o medicali possono essere necessari per aiutare il bambino a riprendere il controllo dei suoi comportamenti. Maggior parte dei farmaci per trattare i disordini specifici sono trattamenti adulti e può creare una domanda di sicurezza per il bambino a causa di effetti collaterali nocivi. Pertanto, gestione dei farmaci con tecniche di consulenza o di modificazione del comportamento di accoppiamento può essere necessario per contribuire a regolare i problemi di comportamento del bambino.


POTREBBE PIACERTI ANCHE