Bioremediation per la pulizia l'inquinamento degli oceani

Bioremediation per la pulizia l'inquinamento degli oceani

Dalle plastiche ai concimi chimici, sostanze inquinanti artificiali sono stati trovati in vari ambienti marini. Bioremediation è un termine usato per descrivere i metodi che ripulire questi inquinanti sfruttando le azioni di pulizia naturale di certi microrganismi. Ad esempio, è stato determinato che i microbi nel Golfo del Messico ha svolto un ruolo importante nella pulizia della fuoriuscita di petrolio Deep Horizon.

Fuoriuscite di olio di pulizia

I microbi presenti in natura sono pienamente in grado di abbattere gli idrocarburi complessi trovati all'interno di una fuoriuscita di petrolio. Questi batteri marini mangiarsi idrocarburi e metabolizzano, rilasciando anidride carbonica come sottoprodotto. Gli scienziati avevano pensato che l'abbondanza di una fuoriuscita di idrocarburi causerebbe questi batteri di moltiplicarsi in modo esponenziale, ma uno studio del 2011 dai ricercatori presso il Woods Hole Oceanographic Institution sulla caduta di Deep Horizon nel Golfo del Messico ha rivelato che i batteri marini semplicemente rampa fino loro metabolismo e non aumentano in numero o dimensione.

Bioremediation di tossine organiche tramite alghe

Nel 2005, i ricercatori della Oregon State University e Northeastern University ha mostrato che tre alghe marine potrebbero essere usato per rimuovere TNT, idrocarburi policiclici aromatici e altri inquinanti organici dall'acqua circostante. Le alghe nello studio comprendeva due specie temperate, Acrosiphonia coalita e Porphyra yezoensis, come pure le specie tropicali Portieria hornemannii. P. yezoensis è effettivamente coltivata dai giapponesi come una coltura. I ricercatori affermano che le azioni disintossicanti di tre alghe sono simili a quelli trovati in piante terrestri, ma più efficace. I ricercatori di studio hanno detto le alghe identificata nel loro studio potrebbero essere utilizzate per proteggere gli organismi di acquacoltura ad alto rischio, come vongole e ostriche, che tendono ad accumulare tossine.

Rifiuti di plastica

Fuori al centro dell'oceano Pacifico, miliardi di minuscoli frammenti di plastica sono turbinano intorno a un massive circolare corrente migliaia di miglia di larghezza in una regione conosciuta come il "Great Pacific Garbage Patch". Uno studio 2011 da un team di ricercatori dell'Università di Yale per la maggior parte ha mostrato che funghi del genere Pestalotiopsis, che sono conosciuti per causare la malattia in piante di Palma tropicale, forse potrebbero essere utilizzati per abbattere quella plastica. Uno studio pubblicato un anno più successivamente ha mostrato che il fungo è stato in grado di abbattere di oltre il 5 per cento di plastica di peso e dopo un anno, realizzare la completa rimozione del bisfenolo A, un additivo per materie plastiche noti problemi inerenti allo sviluppo e altri.

Eutrofizzazione

Quando grandi quantità di fertilizzanti o altre sostanze nutrienti chimici si fanno strada in un ambiente marino, può causare pianta d'interruzione ecosistema, eccessivo e la crescita delle alghe..--un fenomeno noto come "eutrofizzazione". Uno Studio 2010 da un team di ricercatori cinesi ha mostrato che due tipi di alghe, Gracilaria e Laminaria, potevano essere utilizzati nel biorisanamento di quantità eccessiva di nutrienti. Uno studio 2012 da un team di ricercatori spagnoli ha trovato che l'ostrica del Pacifico potrebbe svolgere un ruolo nel biorisanamento di un'area interessata da un allevamento commerciale. Le ostriche rimuovere efficacemente l'azoto in eccesso dall'acqua di mare da incorporare nei loro tessuti e conchiglie.


POTREBBE PIACERTI ANCHE