Tecnica di pittura di Rembrandt

Con il suo genio per la pittura, incisione e disegno, Rembrandt van Rijn (1606-1669) ha portato fama e onore alla sua nativa Olanda, dove trascorse tutta la sua vita. Egli è il più famoso pittore olandese 17th-century, rinomato per la creazione di splendide opere d'arte utilizzando alcune tecniche innovative che gli artisti del suo e le generazioni successive hanno continuato ad ammirare, studiare ed emulare.

Chiaroscuro

Il chiaroscuro"parola italiana" è usato per descrivere i forti contrasti tra luce e buio in opere d'arte. Caravaggio (1573-1610) è fortemente associato con questa tecnica, ma Rembrandt usato pure. Bagnarsi il soggetto centrale di un dipinto nella luce, impostare su uno sfondo scuro, creato un senso di dramma e ha disegnato l'occhio dello spettatore al soggetto. Rembrandt ha anche trovato modi per portare illuminazione nelle sue acqueforti. Il suo interesse in contrasto di luci e colori scuri risalire ai suoi giorni come allievo sotto l'artista Pieter Lastman, che presentare Rembrandt a opera di Caravaggio.

Stratificazione e colore

Artisti di moderno-giorno continuano a studiare come Rembrandt e accumulato di colori e texture nei suoi dipinti attraverso l'uso di stratificazione. Rembrandt a volte usato più strati di colore. Alcuni vernice era fittamente applicata..--una tecnica conosciuta come "impasto". Altri strati erano solo sottili smalti. Molti dei più noti ritratti di Rembrandt sono costruiti da una cupa tavolozza di marroni, bianchi, grigi e neri. Altre volte, come in ritratti biblici, Rembrandt usato colori più brillanti.

Osservazione dalla vita

Rembrandt è stato commesso alla pittura diretta osservazione..--dalla vita. Era un osservatore intenso, particolare-orientato di persone, oggetti e luoghi nel suo ambiente. Rembrandt dipinse spesso altre compagne e sua moglie, e dipinse spesso se stesso. Egli era anche dotato a dipingere soggetti storici e biblici. Durante la sua carriera, Rembrandt visualizzato un notevole talento per catturare l'espressione facciale di un soggetto, sia esso gioia o dolore, contemplazione o costernazione.


POTREBBE PIACERTI ANCHE