Sulle stelle di classe O

Gli astronomi sono sempre impegnati a comprendere meglio gli oggetti che vedono nel cielo. In precedenza, avevano misurato e organizzato Star in una serie di classi spettrali, denominati O, B, A, F, G, K, M (conosciuto con il carattere mnemonico "Oh Be A Fine Girl, Kiss Me!"). Stelle di classe O sono le stelle più luminose dell'universo e anche uno dei più rari, con soltanto uno in ogni 3.000.000 stelle appartenenti a questa classe.

Caratteristiche

Stelle di classe O sono massicce e molto luminose. Essi appaiono blu perché irradiano ultravioletta e brevi lunghezze d'onda della luce visibile. Anche se sono grandi, a più di 10 volte la massa del sole, non sono grandi come le supergiganti rosse, come ad esempio Betelgeuse. Non sono le stelle più calde, come questa distinzione va a nane bianche e stelle di Wolf-Rayet. Stelle di classe O hanno una caratteristica di distinzione, e cioè il loro status come le uniche stelle di sequenza principale per contenere Elio ionizzato nel loro spettro. Mentre l'idrogeno e l'elio sono loro componenti principali, queste stelle bruciano abbastanza calde per la produzione di ioni di elio. Ci sono solo 17 stelle di classe O conosciute.

Teorie/speculazione

Gli astronomi hanno determinato che la classificazione spettrale delle stelle ha molto a che fare con se saranno in grado di supportare un sistema solare, in particolare un pianeta in grado di sostenere la vita. Stelle di classe O sono così calde che producono ciò che è noto come effetto fotoevaporazione. Quando una grande stella di classe B o classe O brucia idrogeno ed elio, genera radiazioni tutto il disco protoplanetario, che disperde l'atmosfera di tutti i pianeti vicini. Senza un'atmosfera, non può esserci nessuna vita.

Lasso di tempo

Stelle di classe O vivono una vita breve. A causa della loro elevata massa, essi convertono l'idrogeno in elio dopo pochi milioni di anni. Dopo questo tempo, lasciano la sequenza principale ed espandere in dimensione, per quanto 100 volte. Diventano supergiganti rosse e continuano a bruciare elio finché non è stato utilizzato troppo. Il nucleo comincia a contratto, ma a causa della temperatura elevata, continua a fondere gli elementi più pesanti insieme da utilizzare come combustibile. Alla fine, la stella fonde elementi in ferro, che non rilascia energia, ma richiede più energia per mantenere il processo in corso. Per questo motivo, il ferro si accumula nel centro della stella, fino a quando il nucleo non è più in grado di supportare il proprio peso e crolla, causando un tipo mi supernova, o in alcuni casi, un'ipernova. Questi enormi esplosioni si formeranno un buco nero centrale che fa schifo in tutto il materiale nelle vicinanze. Appena fuori dall'influenza del buco nero, un stellare nascono forme di scuola materna e nuove stelle.

Idee sbagliate

Si è spesso pensato che stelle di classe O rappresentano una particolare fase nell'evoluzione delle stelle. Mentre è vero che la maggior parte delle stelle seguono la sequenza principale durante le loro vite, passando dal più caldo al dispositivo di raffreddamento di stelle bruciano idrogeno, non tutte le stelle iniziano sul lato caldo della scala spettrale, e molti non seguono la sequenza principale a tutti. Se una stella segue la sequenza principale dipende dalla sua massa iniziale e la luminosità. Come massicce e luminose così come sono, le stelle di classe O lasciano la sequenza principale relativamente presto e diventano supergiganti, che si trovano di sopra e a destra della sequenza principale.

Geografia

Stelle di tipo O si trovano spesso in gruppi, chiamati "Associazioni OB." Due delle stelle più riconoscibili di classe-O si trovano nella costellazione di Orione. Il sistema stellare triplo Zeta Orionis (Alnitak) e la stella multipla Delta Orionis (Mintaka) sono due delle tre stelle che compongono la cintura di Orione. Un altro ben noto O stella si trova nella costellazione della poppa. Zeta Puppis, noto anche come Naos, è la stella più luminosa della costellazione e l'unica stella di classe O. Si accerti che questa stella non è nativa di questa costellazione, ma è una stella fuggitiva che ha viaggiato più di 400 anni luce fin dalla sua nascita, che spiega la sua designazione solitario.

Considerazioni

Come gli astronomi continuano a studiare le stelle di classe O, scoprono che anche in una piccola famiglia di stelle, ci sono grandi variazioni e altri modi per classificarli. Stelle di Wolf-Reyat sono la stessa temperatura come altre stelle di classe O, ma non possono essere classificati come tali perché hanno linee di emissione molto diverso rispetto a altre stelle di tipo O. Allo stesso modo, rare stelle conosciute come variabili blu luminose variano in luminosità e massa e possono straddle al confine tra le classi spettrale O e B, rendendo difficile per gli astronomi a definirli come uno o l'altro.


POTREBBE PIACERTI ANCHE