Storia dello strumento musicale di Bata

Storia dello strumento musicale di Bata

I tamburi di bata possiedono grande significato storico e religioso per le culture africane e cubane. Mentre non ampiamente studiato nelle culture occidentali, l'esplorazione di bata cerimoniale drumming e simbolismo fornisce sia batterista e l'ascoltatore con un'esperienza unica che è ricca di simbolismo, valore culturale e aural incanto. A causa del loro significato cultura e suono molto unico, tamburi di bata sono uno dei fondamenti del jazz Afro-Cubano e possono essere sentiti in altri generi musicali culturali come l'hip-hop e salsa.

Origine

Secondo il sito ufficiale di Alaafin di Oyo, tamburi di bata sono un tamburo cerimonia impostato originario della regione di Yoruba dell'Africa occidentale, ora conosciuta come la Nigeria. Conosciuto come i tamburi sacri di Sango, una lingua originaria della Repubblica Centrafricana, i tamburi sono stati tradizionalmente giocati solo per i reali. I primi rapporti di tamburi di Bata alla civiltà occidentale sono state fatte nelle testimonianze di chi ha incontrato gli arabi con i tamburi in Yoruba nel XIII secolo. Anche se quei viaggiatori ha dato le descrizioni dettagliate dei tamburi di esploratori europei e mercanti portoghesi, civiltà occidentale è stata immersa nella musica classica e folk e non ha adottato alcun inseguimento di bata drumming fino al XX secolo.

Storia cubana

Ricerca di Wesleyan University afferma che i bambini erano portati a Cuba con l'introduzione di afro-americano schiavi durante il periodo coloniale. I cubani ammirato la voce unica e il significato spirituale dei tamburi così tanti, hanno adottato la bata e usato nella pratica religiosa della Santeria, dove vengono ancora utilizzati nelle cerimonie religiose oggi. La bata più successivamente sono stati introdotti negli Stati Uniti nel 1950 e ' 60 dai nativi cubani e Havana. Afro-americani trovato significato storico e culturale nei tamburi e ha iniziato ad usare loro in Afro-Cuban jazz, un genere musicale ispirato dal desiderio di riconnettersi con le loro radici culturali Mozzate.

Descrizione

Kabiosile descrive i tamburi di bata come un insieme di tre tamburi, ciascuno con una forma a clessidra. I tamburi sono scolpiti dal giocatore da un unico pezzo della scelta del tipo di legno e sono vuoti tutto il modo attraverso. Entrambe le estremità sono coperti con pelli di animali, con un'estremità che è più grande rispetto agli altri. L'estremità più grande è il "inu", che significa bocca, e l'estremità più piccola si chiama "chacha". Entrambi i lati funzionano come uno strumento di percussione. Tamburi di Bata sono decorate in stile tradizionale con campane e decorazioni in ottone.

Significato

Secondo Kabiosile, la bata originariamente erano riservati per solo il re africano più alto e successivamente per la dedizione dei sacerdoti appena incoronati, perché i tamburi sono stati consacrati e considerati sacri. Ciascuno dei tre tamburi è tradizionalmente dedicato a una divinità africana, che è un Dio o una dea che influenza i cicli della vita e della natura. La più grande tamburo è dedicata a Yemaya e denominata "Iya," madre di significato. Il secondo più grande è chiamato "Itotele" ed è dedicato a Ochun. I tamburi piccoli, "Okonkolo," sono dedicato a Chango. I tamburi sono detto di tenere i segreti della "Orisha", che sono spiriti soprannaturali. Oggi i tamburi sono ancora usati solennemente nella pratica religiosa della Santeria.

Cerimonia

In un tradizionale bata drumming celebrazione, chiamato un "tambor", ci sono tre cicli di drumming modelli, correlando con i tre tamburi. I tamburi sono detto di essere conversando con gli Orishas, i cantanti e gli altri durante la cerimonia. Ogni ciclo è unico in lunghezza, stile e modello, come ogni conversazione è diverso da altro. Il primo ciclo è chiamato "Oro seco," significato "ciclo asciutto." Esso consiste di drumming solo e destinato a onorare direttamente gli Orishas. Il secondo ciclo è il "Oro cantado", o "ciclo di canto," che aggiunge voci umane sollevate nella canzone ad un nuovo ciclo di drumming. Il ciclo finale è il "wemilere", che significa letteralmente "partito". In questo momento il cantante può cantare in qualsiasi stile e per qualsiasi durata, lodando e accogliendo gli Orishas per unirsi alla celebrazione.


POTREBBE PIACERTI ANCHE