Storia dell'arte cristiana iniziale bizantino

Storia dell'arte cristiana iniziale bizantino

Arte paleocristiana e bizantina si riferisce ad un corpo di lavori prodotti da o per l'impero di Christian per i primi cinque secoli A.C.E., o dopo l'Era volgare. Quando l'imperatore Constantine spostò la capitale dell'Impero Romano a Bisanzio (Costantinopoli successive) la città era nel cuore di una cultura greca pesantemente influenzato. Bisanzio anche simboleggiato l'importanza crescente e la fascinazione per il mondo orientale e rimase un gateway tra culture orientale ed occidentale, fino a quando la città cadde nel 1453 l'invasione dei turchi. Il passaggio da Roma a Bisanzio nettamente diviso l'impero di Christian tra Oriente e Occidente. Presto l'arte cristiana è più associato con la Chiesa cattolica o il Western. Arte di Byzantium è qualificato come l'arte della Chiesa ortodossa o orientale.

Catacombe

I corpi più grandi e più affidabili di paleocristiana e Byzantium art sono le immagini che sono state raccolte da tombe e luoghi di sepoltura sotterranei dei primi secoli primi. Simboli caratteristici della paleocristiana arte includono forme geometriche quali cerchi o cupole per indicare il cielo. Il simbolo della Croce è stato usato come un simbolo fondamentale della fede cristiana, ma anche presenti erano rappresentazioni di Cristo come il buon pastore, oltre a pannelli che riflette vari vecchio e nuovo testamento scene.

Architettura

Fino all'ascesa del Sacro Romano Impero, i cristiani non adorano apertamente nella società pagana, così con la conversione dell'imperatore venne la Commissione degli edifici di culto. Basate sui modelli Pagani delle basiliche, architettura bizantina è stato ampliato per includere un focus sull'altare, una parte essenziale del rituale cristiano.

Hagia Sophia, o la Chiesa della Santa Sapienza, è considerato il capolavoro architettonico di questo tempo. Costruita tra il 532 e il 537, l'Hagia Sophia dispone di una grande cupola che poggia su pennacchi (triangoli sferici). Ciò consente la costruzione di cupole più alte, più leggere e più economiche rispetto al precedente metodo di immissione cupole su una base ottagonale. A causa della sua costruzione rivoluzionaria pennacchio, l'Hagia Sophia è diventato un modello su cui si basava la architettura di Byzantium.

L'uso di luce fornita dalla collocazione di windows nelle vicinanze insieme permette alla luce del sole che brillava il lavoro decorativo dell'oro. Questo ha creato un illusorio effetto ultraterreno. A causa di queste tecniche e posizione di Hagia nella stessa Costantinopoli, l'Hagia Sophia è considerata un ponte tra le due culture d'Oriente e d'Occidente, e sua innovativa progettazione di un ponte tra passato e futuro.

Mosaici

Mosaici sono stati tradizionalmente realizzati nello stile greco-romano dell'utilizzo di materiali colorati impostare in gesso; maggior parte dei mosaici romani sono stati resi in marmo. Mosaici paleocristiani assorbito la cultura greco-romana sostituendo il meno recenti utilizzano più obsoleto di pitture murali e, invece di utilizzare il kit per la preparazione di mosaico in marmo, inizio fatto loro arte con pezzi di vetro colorato, che offerto colori nella gamma più ampia e intensità, ma mancava un tono naturali più presente nei mosaici che dovevano specchio le sottigliezze delle gradazioni in pitture murali. Invece, questi creatori di mosaico creato la propria nuova estetica utilizzando le superfici irregolari e splendente come riflettori creando un effetto "ultraterreno" non visto in arte fino a questo momento.

Scultura

Scultura in questo periodo iniziato su piccola scala, principalmente nelle raffigurazioni sarcofago sulle tombe di ricchi membri della Chiesa. Queste sculture si concentrano sull'aspetto divino, piuttosto che la natura umana di Cristo. Queste sculture erano spesso in pannelli, come visto nei mosaici dell'epoca, raffiguranti diverse scene della Bibbia raffigurante figure passive in situazioni drammatiche.

Icone

Icone in paleocristiana arte erano immagini ritratto derivato principalmente dal nuovo Testamento e in gran parte riflettono i pannelli di greco-romana ritratto visti presso le catacombe e le chiese.

Molti teologi del tempo discusso la questione della raffigurante l'immagine di Cristo. Alcuni teologi credevano di icone strumenti necessari di culto mentre altri teologi icone credevano blasfeme. Questo dibattito era un riflesso della lotta di potere tra la Chiesa e lo stato, poiché gran parte del denaro che ha finanziato l'opera d'arte è venuto dal governo.


POTREBBE PIACERTI ANCHE