Quali sono le differenze tra ingegneria genetica & allevamento?

Anche se l'ingegneria genetica e allevamento intenzionale condividono lo stesso obiettivo di produrre un organismo più desiderabile, essi differiscono in modo importante. Allevamento: attraversando due organismi simili per produrre la prole che portano geni da entrambi i genitori. Ingegneria genetica comporta l'iniezione manuale di materiale genetico da un organismo in un altro. In generale, allevamento può accadere naturalmente; ingegneria genetica richiede un intervento scientifico.

Combinando il metodo.

Importi al matchmaking agricola di allevamento: mettere insieme due potenziali genitori e incoraggiandoli ad accoppiarsi e riprodursi. Si riferisce solitamente a riproduzione sessuale, il metodo con cui la natura mantiene la popolazione di una specie. Ingegneria genetica, tuttavia, comincia in un laboratorio. Uno scienziato può scegliere geni da diversi organismi diversi e inserirli tutti in un unico organismo. Un metodo per questo tipo di trasferimento coinvolge batteri che hanno la capacità naturale di riprogrammare il DNA di una pianta per una partita del DNA dei batteri. Gli scienziati inserire il materiale genetico desiderato i batteri e introducono i batteri per l'host di destinazione. I batteri poi programmare il materiale genetico nell'ospite. In alternativa, gli ingegneri genetici possono utilizzare una pistola del gene per sparare particelle rivestite con il DNA nelle cellule dell'organismo ricevente.

Geni estranei

Un allevatore che cercano di produrre un cane da caccia migliore incoraggia l'accoppiamento tra due cani che ciascuno esibisce tratti desiderabili caccia nella speranza che la loro prole erediterà le caratteristiche di entrambi i genitori. Di conseguenza, nessun gene straniero allo stagno di gene canino esistente vengono introdotti. Ingegneria genetica non sa tali limitazioni. Gli scienziati possono scegliere geni da un animale e iniettare loro nel DNA di una pianta della cellula.

Precisione

Quando due organismi di mate e riproducono, la prole eredita metà dei suoi geni da un genitore e metà da altra. Tuttavia, un allevatore può solo indovinare quali geni verranno ereditati da quale genitore e quali tratti si riveleranno dominante. Inoltre, i geni indesiderati possono essere introdotti insieme a quelli desiderabili nel DNA finale della prole. Ingegneria genetica, tuttavia, consente uno scienziato a scegliere un gene desiderato o poche geni desiderati e introdurre solo quelli in un destinatario. Finchè il suo gene gun mira con precisione o consegnare i batteri come previsto, direttamente controlla quali geni e tratti saranno acquisiti da parte dell'organismo.

Risultati

Un allevatore attraversando due cani a pelo corto---ad esempio, un beagle e basset hound---può assumere loro cuccioli avrà i capelli corti, ma egli non può predire se la prole avrà le orecchie lunghe di bassotto o quelli più brevi di beagle. Egli inoltre può assumere che, nella maggior parte dei casi, la prole erediterà una serie completa di geni stabilmente strutturate, vitale. Nell'ingegneria genetica, tuttavia, le possibilità di esito sono più ampia---anche senza fine--- e potenzialmente di vasta portata e quindi imprevedibile. Lo scienziato può combinare geni in modi che mai si verificano in natura, producendo una gamma di risultati possibili anche non visto in natura. Ad esempio, può creare un ceppo di pianta coltivata che respinge gli insetti predatori; Tuttavia, una volta che i semi della pianta lasciano l'isolamento del laboratorio per essere piantato all'esterno, egli non può controllare l'allevamento naturale di quella pianta con altre specie di piante--- o l'erba insetto-repellente che potrebbe derivare dall'incrocio. Inoltre, gli scienziati possono controllare quali geni trasferire ad un altro organismo, ma non riescono a controllare dove nella cella del destinatario saranno alla fine individuare quei geni. Il risultato è spesso una cella instabile, impraticabile.


POTREBBE PIACERTI ANCHE