Quali sono i traccianti radioattivi?

Quali sono i traccianti radioattivi?

I praticanti di medicina nucleare utilizzano piccole quantità di isotopi radioattivi per scopi diagnostici. Questi isotopi, chiamati traccianti radioattivi, entrano nel corpo per iniezione o per ingestione. Emettono un segnale, solitamente i raggi gamma, che possono essere identificati. Il medico si rivolge a una particolare organo o parte del corpo. Il tracciante fornisce preziose informazioni che aiuta a fare una diagnosi.

Processo

Traccianti radioattivi utilizzano le qualità positive di radioattività, la capacità di emettere un segnale, riducendo al minimo gli effetti negativi. Isotopi di utilizzano elementi con una breve emivita per ridurre i pericoli di esposizione radioattiva al paziente. Un tempo di dimezzamento rappresenta la quantità di tempo che necessario per la metà della radioattività di una sostanza a decadere. Ad esempio, un materiale con un'emivita di sei ore perde metà della sua radioattività in sei ore e poi un'altra metà presso il marchio di 12 ore, lasciando un quarto della sua forza. Più breve è l'emivita, l'esposizione meno radioattivo.

Materiale

Il più comune isotopo radioattivo utilizzato in traccianti radioattivi è technetium - 99m, utilizzato nelle procedure di quasi 30 milioni nel 2008, che rappresenta l'80% di tutte le procedure di medicina nucleare, secondo la World Nuclear Association. È un isotopo di un elemento artificiale, tecnezio, con un tempo di dimezzamento di sei ore, che fornisce abbastanza tempo per eseguire le procedure diagnostiche necessarie, ma fornisce la sicurezza del paziente. È versatile e può essere mirata a una specifica organo o parte del corpo ed emette raggi gamma che forniscono le informazioni necessarie. Altri traccianti radioattivi includono iodio-131 per le condizioni della tiroide, ferro ferro-59 per studiare il metabolismo nella milza e nel potassio-42 per il potassio nel sangue.

Esplorazione di CT

Tomografia computerizzata a raggi x o TAC comporta un maggiore uso di traccianti radioattivi. Queste scansioni costituiscono circa il 75% delle procedure mediche con traccianti. Il tracciante radioattivo produce raggi gamma o singoli fotoni che rileva una gamma camera. Le emissioni provengono da diverse angolazioni e un computer li utilizza per produrre un'immagine. Il medico curante Ordina una TAC che gli obiettivi di una determinata area del corpo, come il collo o torace o un organo specifico, come la tiroide.

ANIMALE DOMESTICO

Tomografia a emissione di positroni, o PET, rappresenta l'ultima tecnologia per utilizzare traccianti radioattivi. Esso fornisce un'immagine più precisa ed è usata frequentemente in oncologia con Patrizia-18 come elemento tracciante. PET è anche usato in cardiaco e imaging cerebrale con traccianti radioattivi carbonio-11 e azoto-13. Un'altra innovazione coinvolge la combinazione di PET e CT in due immagini noto come PETTAC.


POTREBBE PIACERTI ANCHE