Primo uso documentato del DNA in criminologia

DNA profiling è un metodo di analisi che consente agli scienziati forensi identificare un individuo in base al suo codice genetico unico. Piccoli campioni di DNA di un individuo sono contenuti all'interno di sangue, le cellule della pelle e altri materiali biologici che potrebbero essere lasciati sulla scena di un crimine. Moderne tecniche di DNA forense sono state pioniere nel Regno Unito nel corso del 1980.

Ricerca iniziale

I primi indicatori di possibili applicazioni forensi per l'analisi del DNA è venuto nel 1984, quando il Professor Alec Jeffreys osservate notevoli differenze tra i modelli genetici di tre individui che lavorano su un esperimento di genetica presso l'Università di Leicester. Jeffreys ritiene che queste differenze genetiche osservabili (e somiglianze) possono essere utilizzate per identificare le persone che sono state collegate uno a altro. La tecnica è stata messa alla prova in un caso di immigrazione in cui ha dimostrato con successo la relazione tra i membri di una famiglia britannica.

L'omicidio di Dawn Ashworth

Nel 1986, Leicestershire Police contattato Jeffreys circa la possibilità di utilizzare l'analisi del DNA in un'indagine per omicidio. Quindici-anno-vecchio Dawn Ashworth era stata violentata e uccisa nel vicino villaggio di Enderby. Tre anni prima, un altro adolescente, 15-year-old Linda Mann, era stato similmente violentato e assassinato nel villaggio di Narborough. Polizia crede i crimini per essere il lavoro dello stesso assassino e aveva un sospetto in custodia. Ci hanno chiesto di Jeffreys utilizzare DNA profiling per determinare se la prova biologica lasciato alle scene del crimine abbinato il sospetto.

Richard Buckland

Un locale 17-year-old, Richard Buckland, ammesso di aver ucciso Ashworth, ma ha negato di aver ucciso Mann. Jeffreys analizzato un campione di sangue da Buckland e rispetto a campioni prelevati dai corpi delle vittime. I risultati sono stati sorprendenti. Jeffreys è stato in grado di dimostrare che i due crimini fossero opera del criminale stesso. Tuttavia, l'evidenza genetica non corrisponde Richard Buckland. Buckland così è diventato la prima persona ad essere esonerato di un crimine grazie alla prova del DNA.

Colin Pitchfork

Anche se esonero di Buckland era un'innovazione scientifica importante, ha lasciato l'inchiesta senza un sospetto. Jeffreys, lavorando con la polizia, ha intrapreso una strategia di campionamento di massa in cui sono stati raccolti campioni di saliva da più di 5.000 uomini locali. Alla fine, uno dei campioni ha mostrato una partita. Uomo locale Colin Pitchfork ha confessato entrambi uccisioni quando si confronta con la prova del DNA. Fu condannato all'ergastolo, il primo criminale mai ad essere catturato utilizzando l'analisi forense del DNA.


POTREBBE PIACERTI ANCHE