I vantaggi dell'utilizzo di fissione nucleare alla potenza elettrica di impianti di generazione

Fissione nucleare si verifica quando un atomo di grandi dimensioni viene suddivisa in due atomi più piccoli. Grandi quantità di energia vengono rilasciati quando un nucleo atomico subisce la fissione. Circa 3 chilogrammi di uranio possono fornire energia sufficiente per soddisfare i bisogni di un americano per un anno, secondo la Georgia State University. Il meccanismo che rende così efficiente fissione nucleare alla generazione di energia è la reazione a catena; la fissione di un atomo produce neutroni liberi che colpiscono altri atomi con sufficiente energia per indurli a subire la fissione. Centrali a fissione può fornire grandi quantità di energia elettrica con molto meno materiale rispetto ad altri tipi di centrali elettriche.

Ciclo del combustibile nucleare

A differenza di altre forme di generazione di energia come la combustione di gas naturale, fissione nucleare avviene in circostanze specifiche e solo con alcuni combustibili. L'uranio è il combustibile più comune utilizzato nelle centrali di fissione, e viene estratto come un minerale in un modo simile come il carbone. Il prodotto viene affinato da un processo di arricchimento che rimuove meno utile degli isotopi di uranio dal combustibile. L'uranio arricchito può quindi essere messo nelle barre di combustibile di un reattore a fissione per generare calore.

Vantaggi di trasporto combustibile fissione

A differenza del metano o carbone piante, che richiedono grandi quantità di carburante al fine di generare continuamente l'elettricità, impianti nucleari richiedono quantità relativamente piccole di materiale per poter funzionare. Ciò significa che un maggiore costo di funzionamento centrali - trasporto carburanti - è ridotto di un importo di estremo. Centrali nucleari possono andare per anni tra il rifornimento di carburante e operare quasi continuamente senza le preoccupazioni sopra interruzioni di forniture di carburante. I requisiti di massa di carburante ridotti sono dovuta al fatto che fissione genera energia attraverso un processo nucleare dove bruciano combustibili direttamente genera energia attraverso processi chimici.

Caldaie e fissione nucleare

L'effettivo processo per trasformare l'energia scatenata dalla fissione in corrente elettrica è la stessa di quella utilizzata in impianti alimentati a idrocarburi. Il consumo di combustibile dell'impianto genera calore, che viene trasferito all'acqua che è passata attraverso tubi sopra il contenitore del reattore. Questa acqua si trasforma in vapore, che viene poi convogliata attraverso una turbina che converte l'energia meccanica fornita da molecole d'acqua in rapido movimento all'interno del vapore elettrico corrente. Fissione è un processo vantaggioso a questo proposito rispetto al bruciare idrocarburi perché il vapore può essere condensato in un liquido e riutilizzato per raffreddare il reattore, allo stesso tempo che trasporta più energia per le turbine.

Abbondanza di combustibile di fissione

Relativa agli idrocarburi c'è molta più energia disponibile sulla terra bloccato all'interno di atomi fissili. Idrocarburi possono diventare scarse e anche run-out, e come forniture diminuiscono e la domanda aumenta, il prezzo per carburante aumenterà. L'uranio è abbondante e occupa poco spazio. Inoltre i sottoprodotti di molte piante di fissione nucleare possono essi stessi essere elaborati e riutilizzati come combustibile per la fissione. Questo processo di ulteriore estende la fornitura di energia che può essere derivato dalla fissione dell'uranio rispetto idrocarburi o fonti di energia rinnovabili anche perfettamente, che dipendono da condizioni meteo ad operare.


POTREBBE PIACERTI ANCHE