Come gli scienziati a studiare l'evoluzione delle piante?

Come gli scienziati a studiare l'evoluzione delle piante?

Studiare l'evoluzione delle piante può spesso essere difficile. Molti degli eventi che interessi gli scienziati hanno preso luogo decine o addirittura centinaia di milioni di anni fa, e processi evolutivi span lunghe ere del tempo. Gli scienziati spesso devono lavorare come detective a risolvere un mistero di omicidio e tenta di mettere insieme quello che è successo basato sugli indizi disponibili.

Fossili

Resti fossili vegetali in grado di offrire gli scienziati preziose informazioni circa gli antenati della moderna specie. Pareti cellulari della pianta sono più resistenti alla decomposizione e degradazione che le cellule stesse, soprattutto le pareti cellulari ricche di lignina. Spore e Pollini hanno cappotti resistenti e sono forse che la meglio conservata pianta rimane nell'annotazione del fossile. A volte possono essere combinati impianti multipli in un unico deposito, mentre in altri momenti, le parti della pianta sono state separate e deve essere messo insieme indietro. Questo tipo di lavoro può essere particolarmente difficile perché resti vegetali sono spesso più scarsamente conservati rispetto le ossa dure da animali morti.

Ricerca di fossili

Gli scienziati confronta fossili con a vicenda e con piante viventi per determinare come sono correlati e tracciare il corso dell'evoluzione nel tempo. Questo compito è reso ancor più difficile da pregiudizi nell'annotazione del fossile. Grandi piante legnose sono più probabili fossili di forma che piccole piante fragili; disperse dal vento il polline è più abbondante nei resti fossili di polline disperso di insetto; paludi e laghi sono più probabilità di conservare i resti di piante più versanti e così via. Quando vengono scoperti fossili, gli scienziati possono determinare la loro età attraverso la datazione radiometrica, che utilizza isotopi che decadono a un tasso conosciuto.

Biologia molecolare

Negli ultimi anni, la crescente sofisticazione della biologia molecolare ha reso più strumenti disponibile per gli scienziati che studiano l'evoluzione delle piante. Biologi possono prendere il DNA dalle piante, esso di sequenza, quindi confrontare sequenze tra le diverse specie di trarre conclusioni sulle relazioni. Spesso può essere particolarmente utile confrontare sequenze di un gene specifico che due specie vegetali hanno in comune, perché molti processi nelle piante sono "altamente conservati," che significa che essi sono stati conservati in gran parte inalterati da evoluzione.

Orologio molecolare

Alcuni geni e genomi sembrano un'evoluzione a una velocità relativamente costante. Gli scienziati a volte utilizzano queste informazioni per tentare di determinare quanto tempo fa due specie vegetali si separano; Questo è chiamato l'approccio di orologio molecolare. Il numero di sostituzioni nella sequenza del gene da una specie rispetto al gene da altra è proporzionale al numero di anni poiché si separano le due specie. È importante tenere a mente, però, che questo approccio può dare solo una stima approssimativa, e si basa su ipotesi circa il tasso al quale evoluzione si verifica in questi geni delle piante.


POTREBBE PIACERTI ANCHE