Come classica musica colpisce il cervello

Come classica musica colpisce il cervello

A differenza di qualsiasi altra arte, la musica esiste nel tempo. Il flusso continuo appiana le inevitabili fermate e inizia di movimento fisico e anche il cervello di elaborazione. Questa struttura migliora flusso intellettuale del cervello e può anche servire come terapia per alcuni disturbi neurologici. Quasi tutte le regioni del cervello sono coinvolto con ascoltare o suonare musica.

Ascolta la musica

L'atto di ascoltare la musica inizia nella regione auditiva del cervello e si muove attraverso il tronco cerebrale e del cervelletto e in entrambi i lati del cervello, secondo Daniel Levitin nel suo libro, "questo è il vostro cervello in musica". Il centro di memoria del cervello, o ippocampo, più le parti del lobo frontale, diventano attivi cercando di associare musica con forme, stili o melodie ha già sentito.

Tenere il tempo alla musica

Levitin spiega anche che il cervelletto cronometristi o circuiti di temporizzazione sono risvegliati quando cercano di tenere il tempo con il ritmo della musica. Questo include le durate delle note anche come essi sono raggruppati in unità. Tempo è considerato anche qui: se la musica è veloce, lento o medio. Il cervello tende ad aspettarsi eventi in musica basata su che cosa ha sentito prima, in modo insoliti eventi che si tengono nella musica aggiungere emozione. Un esempio di questo sarebbe sincopato, dove una nota inizia davanti il battito.

Esecuzione di musica

Come classica musica colpisce il cervello

Colpire i tasti giusti

I lobi frontali e la corteccia motoria nel lobo parietale (sotto il piano della testa) sono chiamati durante l'esecuzione di musica. Strumentisti, cantanti e direttori d'orchestra di tutti utilizza i lobi frontali che prevede movimenti e il comportamento. La corteccia motoria e la corteccia sensoriale dare l'esecutore le sensazioni tattili che assicurano loro che sono colpire i tasti giusti o muovendo un bastone correttamente.

Emozioni in musica

Il cervello interpreta la musica basata su ciò che si aspetta di sentire. Quando il cervello sente qualcosa di inaspettato o è costretto ad aspettare che qualcosa che si anticipa (ad esempio una risoluzione armonica), vengono creati la tensione e l'eccitazione. Secondo Robert Jourdain in "Musica, il cervello e l'estasi", il cervello è così utilizzato per le convenzioni della musica che esso si aspetta di trovarli anche se ha sentito ed elaborati i momenti inaspettati in un pezzo di musica già.

Terapia di musica

Musica classica è utilizzato in modo efficace nel trattamento di alcuni disturbi neurologici quali la depressione, l'autismo e malattia del Parkinson. I pazienti di Parkinson, secondo Jourdain, rispondono al flusso continuo di musica. Secondo gli studi di EEG (elettroencefalogramma), dei pazienti debilitanti che contrae e arrestare le onde cerebrali sembrano per lisciare verso il normale quando si gioca la propria musica preferita.


POTREBBE PIACERTI ANCHE