Chemioterapia per gatti

Chemioterapia per gatti

La chemioterapia è un trattamento che consiste di farmaci tossici per le cellule tumorali. Gatti, così come i cani, tollerano generalmente questo tipo di trattamento meglio degli esseri umani. Anche se raramente sono curati cancri felini, il tasso di remissione è alto, e maggior parte dei gatti che subiscono la chemioterapia potranno godere una vita felice, durante e dopo il trattamento.

Chemioterapia

Farmaci chemioterapici sono amministrati per via endovenosa, per via sottocutanea (sotto la pelle), oralmente o per iniezione intramuscolare. Secondo l'Università di medicina veterinaria in Illinois, il trattamento è su misura per il singolo paziente e, nella maggior parte dei casi è fornito su una base ambulatoriale. La durata di ogni trattamento dura tre-sei ore.La lunghezza del corso per il trattamento varia a seconda del tipo di tumore da trattare. Potrebbe richiedere da 12 a 15 settimane, o, nel caso di linfoma, il gatto avrà bisogno qualche forma di chemioterapia per il resto della sua vita.

Come funziona

Le cellule tumorali si moltiplicano rapidamente; la chemio danneggia la capacità della cella di crescere e dividersi, che alla fine li uccide. Dopo rimozione chirurgica di un tumore maligno, la chemioterapia è usata per impedire la ricorrenza o la diffusione della malattia, migliorando le possibilità del gatto di sopravvivenza.

Vantaggi

La chemioterapia è il trattamento più efficace solo per alcuni tipi di cancro nei gatti perché offre le migliori possibilità di remissione. Il linfoma è un buon esempio di un tipo di cancro che ha un tasso di sopravvivenza migliore quando è coinvolta la chemio. Questo tipo di terapia farmacologica può anche aumentare la capacità della radioterapia per uccidere le cellule tumorali.

Rischi ed effetti collaterali

Chemio spesso uccide le cellule sane con le cellule tumorali, così alcuni rischi per la salute sono coinvolti. I due effetti collaterali più comuni sono la tossicità gastrointestinale del gatto e del midollo osseo. Egli potrebbero verificarsi nausea, vomito o diarrea. Nel caso di cellule del midollo osseo interessato, conteggio di globuli bianchi del gatto può scendere sufficientemente bassa per aumentare la sua suscettibilità all'infezione.Anche se raro per un paziente felino di sviluppare un'infezione sistematica pericolosa come risultato aumentato numero di globuli bianchi, non è impossibile. Per questo motivo, un veterinario raccomanderà spesso ripetere le analisi del sangue.La perdita di capelli associata con il trattamento di chemioterapia in esseri umani è minore con i gatti, anche se i gatti perdano la loro baffi. Tossicità chemio può irritare i tessuti sottocutanei se i farmaci perdono di fuori della vena durante l'iniezione. Ulcerazione e gonfiore possono verificarsi, ma questa complicazione è rara.

Dopo il trattamento

Secondo i veterinari gara Foster e Marty Smith di pededucation.com, le circa 70 per cento dei gatti risponderà positivamente alla chemioterapia e in media vivrà altri quattro-sei mesi. Dopo il trattamento viene interrotto, il gatto probabilmente richiederanno gli esami di follow-up ogni uno o due mesi per verificare la possibile ricorrenza del cancro. Identificazione precoce dei problemi avranno una maggiore possibilità di successo.


POTREBBE PIACERTI ANCHE