Caratteristiche salienti della poesia elisabettiana

L'epoca elisabettiana, spesso salutato come un'età dell'oro per letteratura inglese, si estendeva lungo regno della Regina Elizabeth dal 1558 al 1603. Questo periodo vide molti luminari poetici l'ascesa, tra cui Christopher Marlowe, Ben Jonson, Edmund Spenser, Sir Philip Sidney, William Shakespeare ed Elizabeth se stessa. La poesia elisabettiana è notevole per molte caratteristiche, tra cui la forma del sonetto, verse in bianco, l'uso di materiale classico e doppi sensi.

Sonetti

Forse l'innovazione più noto della poesia elisabettiana è il sonetto elisabettiano, o in inglese. Thomas Wyatt, poeta di Corte di Enrico VIII, introdotto il sonetto italiano in Inghilterra, ma Henry Howard, conte di Surrey, ha rielaborato nella sua forma tipica inglese. Elisabettiana sonetti sono scritti in pentametri giambici e sono costituiti da 14 linee, spesso suddivise in tre quartine e un distico. Le linee di rima utilizzando uno schema: abab cdcd stetop11 gg. Le prime otto righe sono chiamate "ottetto" e le ultime sei righe sono la "Sistina". Sonetti elisabettiani spesso presentano una svolta, o "volta", tra l'ottetto e il sestetto, dove il materiale introdotto nell'ottetto è visto da una prospettiva diversa nel sestetto. In alcuni sonetti, arriva questo turno nel distico finale, come in Sonnet 130 Shakespeare, "My Mistress' Eyes Are Nothing Like the Sun". Sonetti elisabettiani appaiono anche nel dramma del tempo, come all'inizio di "Romeo e Giulietta".

Verse in bianco

Anche se pentametro giambico era stato usato nella poesia inglese fin dal Medioevo, il conte di Surrey usato in un modo nuovo nella sua traduzione del "Eneide": ha lasciato le linee non rimato nessuno dei. Questa forma poetica, chiamata "blank verse," ha il vantaggio di liberare poeti dall'onere di riformulare pensieri in modo che rima e si tenne da alcuni come il più puro ravvicinamento di discorso umano naturale. In epoca elisabettiana corretta, verse in bianco era misuratore di Shakespeare e di Christopher Marlowe di scelta per il dramma; ha dato discorso un tono grave, elevato, pur lasciando la prosa da utilizzarsi per quelli con bassa classifica sociale e per la commedia. Verse in bianco ha persistito in popolarità lontano passato l'epoca elisabettiana, utilizzato da tali lavori degni di nota come "Paradiso perduto di John Milton" e il "Preludio" di William Wordsworth.

Plasmare il presente con il passato

Anche se il termine "Rinascimento" non è stato utilizzato fino al XIX secolo, descrive con precisione almeno una caratteristica della letteratura elisabettiana: spesso si è percepito come "rinascita" di dare alla materia classica per inaugurare una nuova era della letteratura in inglese. Questa qualità è forse più facilmente visibile nella sua appropriazione del passato. Sir Philip Sidney impiega le convenzioni della poesia classica nei suoi sonetti, come la sua invocazione alla Musa in "Astrophil e Stella": "Pazzo, mi ha detto la mia Musa, looke nel tuo cuore e la scrittura." Allo stesso modo, guardando indietro, più grande opera di Edmund Spenser, l'epico "Faerie Queene," è pieno di arcaismi - intenzionalmente anticato ortografia o sintassi, ad esempio "yclept" per "chiamati". Questi utilizzò per creare il senso di un regno precedente, meno viziato, in cui egli può impostare sua allegorica storia d'Inghilterra.

Doppi sensi

Questa discussione non sarebbe completa senza una menzione del grande amore della poesia elisabettiana di doppi sensi: parole o frasi che hanno un significato letterale benigno, ma hanno anche una connotazione seconda..--di solito uno sessuale. In atto 3, Scena 1 di "Amleto", per esempio, frazione dirige una diatriba polemica a Ofelia e dice, "Vattene in un convento di suore: perché tu vuo ' a essere un / allevatore dei peccatori?" A livello letterale, playgoers potrebbe interpretare questa linea gentilmente: Amleto è preoccupato di Ophelia e vuole lei riparo dal mondo e dagli uomini. Ma in gergo elisabettiano, "Convento" significava "bordello". Così Amleto insulti contemporaneamente Ophelia. Questa ambiguità è in armonia con la follia di Amleto - se finse o non.


POTREBBE PIACERTI ANCHE