Antichi tamburi africani

Antichi tamburi africani

In Africa i tamburi sono stati utilizzati per secoli come un modo per comunicare. Tribù sparse in tutto il continente, utilizzo batteria per inviare messaggi e notizie a vicenda, e tutti questi tamburi sono state fatte a mano. Diversi tipi di tamburi ha esistito per scopi diversi. Uso della batteria nella cultura africana include rituali e danza. Bambini imparato a tamburo da un metodo orale/uditivo e sono stati incoraggiati ad aggiungere i propri personali metodi drumming.

Djembe

Il djembe, ampiamente riconosciuto come un tamburo africano, è uno dei più antichi tipi di tamburi africani ancora in uso oggi. Sue origini possono essere rintracciate già nel XII secolo, ed è associato comunemente con i fabbri di Mandinka. Come molti tamburi africani, esso è conosciuto come uno dei "tamburi parlanti" e proviene dall'Africa occidentale. Questo tamburo a calice è conosciuto da una varietà di nomi, ad esempio "jembe" e "jimbay." I tamburi di djembe sono in genere realizzati con pelli di capra, e si è giocato a cerimonie quali matrimoni e raccolto.

Ashiko

Il ashiko, che ha provenuto dalla Nigeria, è indigeno al popolo Yoruba. A volte è confuso con il Ngoma perché entrambi sono fianchi batteria; Tuttavia, il Ngoma proviene dal Congo ("Ngoma" è Congolese per il "tamburo"). Anche se entrambi sono infatti tamburi e loro nomi significa "tamburo", si differenziano ancora come sono fatti..--per dogata contro intagliato..--e come essi vengono riprodotti.

Gankogui

Il gankogui è anche conosciuto come il "gakpevi". Fa parte di un ensemble Musica conosciuto come "Drumming, Ewe" un ensemble Musica eseguito dal popolo Ewe del Ghana, Togo e Benin. Come con altri tamburi africani, il gankogui è giocato con un bastone. Esso è fatto di ferro e si compone di due campane.

Balafon

Il balafon, chiamato anche la "Bala Sosso", è simile a uno xilofono. Il batterista suona il balafon colpendo i tasti con i bastoni imbottiti. Alcuni rapporti citano il balafon abbia avuto origine nel XIII secolo. È indigena al popolo Mandinka dell'Africa occidentale. È stato giocato sia con un batterista solitario come parte di un rituale o insieme ad altri artisti musicali in un ensemble.


POTREBBE PIACERTI ANCHE